Demenza senile: riconoscerla per affrontarla

16 novembre 2017
Demenza senile: riconoscerla per affrontarla

Ogni stagione della vita è caratterizzata da cambiamenti più o meno significativi; il corpo si trasforma e con lui anche gli organi non visibili ad occhio nudo come il cervello.

Anno dopo anno il corpo subisce una lenta trasformazione e questa trasformazione si acuisce ancor più durante la vecchiaia.

La cosiddetta “demenza senile” si riferisce ad una degenerazione delle attività intellettive della persona che perde lentamente la propria autosufficienza in un inarrestabile declino.

Iniziamo col dire subito che “vecchiaia” non significa automaticamente demenza senile. Ci vengono in aiuto esempi di brillanti scrittori ultraottantenni con una mente fresca e attiva nonché anziani con una memoria di ferro e completamente autosufficienti.

Spesso si sente parlare erroneamente di demenza senile e malattia di Alzheimer utilizzando queste due parole come sinonimi; in realtà la malattia di Alzheimer può essere una delle cause di demenza senile (attualmente nel 50-60% dei casi); un’altra causa può essere l’arteriosclerosi cerebrale, in altri casi ancora la malattia è causata sia dalla presenza di Alzheimer che di lesioni ischemiche.

I segni e sintomi della malattia sono molti e variano a seconda dello stadio di avanzamento.

Uno fra tutti, forse il più palese, è la lenta perdita di memoria. Attenzione però, difficoltà di memoria non significa automaticamente demenza senile; infatti, oltre che da fattori biologici, questa può essere causata anche da uno stile di vita privo di stimoli. Molti anziani purtroppo, loro malgrado, si ritrovano soli ed emarginati. Dovrebbe essere compito dei famigliari non lasciarli soli in questa delicata fase della vita, che, con le giuste accortezze, può essere ancora vissuta appieno. Spesso quando un anziano inizia ad avere difficoltà di deambulazione e autosufficienza viene mandato in una casa di riposo, lontano dalla casa dove ha vissuto tanti anni e dove conserva i ricordi della gioventù; questo può causare una depressione che in concomitanza con una malattia degenerativa come la demenza può causarne l’accelerazione. Oggi esistono molti ausili per permettere a una persona anziana con problemi di salute di vivere in piena autonomia o quasi la propria casa, pensiamo ad esempio ai montascale o alle piattaforme elevatrici che permettono anche a una persona in carrozzina di accedere ai piani superiori delle abitazioni dove solitamente si trovano le camere da letto. Una certa autonomia e stimoli intellettuali e culturali da parte della famiglia possono aiutare concretamente il rallentamento della malattia e dell’invecchiamento.

Quando nello specifico parliamo di demenza senile ne possiamo individuare tre stadi: uno iniziale, uno intermedio e uno più avanzato.

In media tra lo stadio iniziale e quello avanzato passano circa 7/10 anni e i sintomi più evidenti, oltre alla perdita di memoria come abbiamo già accennato, sono: disturbi della personalità, incapacità di riconoscere le persone, difficoltà a deambulare, difficoltà di equilibrio, fatica a deglutire, problemi nell’uso del linguaggio e nel ragionamento.

Ad oggi la malattia non è ancora curabile e le cure farmacologiche agiscono perlopiù sui sintomi attraverso l’uso di integratori, antidepressivi, vitamine antiossidanti, farmaci inibitori dell’acetilcolinesterasi, memantina che agisce sul sistema glutamminergico.

Ovviamente questi sono solo alcuni esempi a scopo esplicativo dei vari farmaci utilizzati nel decorso della malattia, a seconda poi del tipo di demenza e dello stadio di avanzamento sarà compito dei medici stabilire la terapia più appropriata.

Negli ultimi gli scienziati stanno facendo molte ricerche in questo ambito volte a scoprire se il tipo di alimentazione e lo stile di vita possano in qualche modo posticipare la comparsa della demenza senile.

Una curiosa scoperta è stata fatta a proposito della caffeina.

All’interno dei neuroni infatti vi sarebbe un enzima che viene potenziato grazie all’assunzione di caffeina e che va a bloccare l’accumulo delle cellule tossiche che sono la causa dell’Alzheimer.

Lo studio è stato svolto da alcuni ricercatori dell’università dell’Indiana che hanno testato più di 1300 sostanze per vedere quali fossero in grado di stimolare l’attività dell’enzima NMNAT2 (l’enzima che protegge appunto i neuroni dalla loro degenerazione) e tra queste sostanze ne hanno individuate 28 tra cui appunto la caffeina. Dagli studi svolti sembra infatti che 2-3 tazzine di caffè al giorno possano prevenire la demenza.

Nel 2014 la rivista Nature Neuroscience aveva già pubblicato un articolo riguardo uno studio svolto da alcuni ricercatori americani che avevano dimostrato come l’assunzione di caffeina andasse ad influire positivamente sulla memoria.

Ovviamente si tratta di ricerche molto recenti e la strada per trovare cure effettive alle varie forme di demenza è ancora lunga ma sicuramente gli studi in questo senso stanno facendo passi da gigante.

NOTA: il presente articolo non è stato scritto da professionisti; le informazioni sopra riportate sono ricavate perlopiù da fonti web e sono fornite unicamente a scopo indicativo, si declina ogni responsabilità per eventuali errori e/o omissioni.